Se già la Toscana è bella, l’incanto del suo arcipelago è qualcosa difficile da immaginare senza averlo mai ammirato. Non per niente le isole che lo compongono vengono chiamate “le sette perle di Venere”, perché leggenda vuole che proprio dalle perle di una collana della dea si siano originate, in tutta la loro bellezza.

Dato che sono sette e il tempo di una vacanza non basta per tutte, quali visitare? Ecco le isole più belle della Toscana con le loro caratteristiche più apprezzabili.

Isola d’Elba

Quando si parla delle isole più belle dell’arcipelago toscano non si può non partire dall’Isola d’Elba, che ne è la regina assoluta.

Spiagge meravigliose di sabbia effective, ma anche perle di ciottoli bianchi come la spiaggia delle Ghiaie, si incontrano e scontrano con un panorama montuoso e collinare, immerso nel verde della macchia mediterranea: quest’isola ha davvero tutto! Ed è per questo che ogni anno viene scelta da migliaia di turisti: proprio per la grande affluenza che riscontra, sono numerosi i traghetti Isola d’Elba che partono ogni giorno dal porto di Piombino per le zone più strategiche per visitare l’isola: Portoferraio, Cavo e Rio Marina le principali.

Isola del Giglio

Più piccola e contenuta, ma decisamente non meno ricca di cose da vedere: l’Isola del Giglio è un’altra delle perle dell’arcipelago toscano da visitare assolutamente.

In particolare, si tratta della meta perfetta per chi ama potersi immergere nella natura incontaminata, là dove sembra che l’uomo non abbia mai messo mano. In effetti l’Isola del Giglio dà questa impressione: grandi spiagge incastonate nella roccia, acque cristalline dai fondali tutti da scoprire e un contesto naturale particolarmente suggestivo ti fanno sentire su un’isola selvaggia, quasi inesplorata.

Eppure la cosiddetta “civiltà” non manca, anzi: l’isola offre due borghi davvero pittoreschi, Giglio Porto e Giglio Castello, dove poter gustare le prelibatezze del posto in uno dei tanti ristoranti di pesce, comprare memento e fare romantiche passeggiate al tramonto.

Isola di Pianosa

Molto vicina all’Elba troviamo poi l’Isola di Pianosa, meno conosciuta ma di certo estremamente apprezzata: una volta che la scopri, diventa la tua preferita. Perché? Perché questa “isola piatta” è conosciuta anche come i Caraibi della Toscana, grazie al suo mare cristallino e alla sua spettacolare natura.

Ciò che la rende così speciale, oltre alle spiagge bianche e alle acque limpide, è soprattutto la biodiversità di terra e mare, perfettamente conservata e sviluppata grazie all’inaccessibilità dell’isola per anni. Qui, infatti, sorgeva fino al 1997 un carcere di massima sicurezza, che rendeva l’isola non visitabile e che, di conseguenza, ha permesso a flora e fauna di crescere e vivere indisturbate.

Visitare Pianosa oggi è possibile e ti permette di scoprire un patrimonio naturale davvero mozzafiato, ma proprio per l’entità del valore della natura è sempre importante avere il massimo rispetto del territorio e contribuire alla sua salvaguardia. In cambio, l’Isola di Pianosa saprà regalarti una vacanza che non potrai dimenticare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *