Gli italiani tornano a comprare pesce fresco, dopo la brusca freata degli acquisti dello scorso anno. Secondo le elaborazioni di Ismea su dati Niq, infatti, per i prodotti ittici nel primo trimestre 2023 è tornata a crescere la spesa, trainata dal prodotto fresco che period stato il più penalizzato nella scorsa stagione. La categoria del fresco, che pesa in valore sul comparto per oltre il 50%, è l’unica a registrare un recupero dei volumi con un incremento dell’1,7% che, associato all’incremento dei prezzi, fa crescere la spesa del 6,7%. A scapito dei prodotti ittici surgelati (-10,9%) e delle preserve ittiche (-11,2% a quantity).

In Italia a fronte di una produzione nazionale stimata nel 2022 in 644 milioni di euro, il consumo totale è pari a oltre 4 miliardi di euro, comunque in buona crescita sul medio periodo se si considera che a metà del decennio scorso il suo valore period inferiore ai 3 miliardi (Cagr: +4,7% nei valori in euro).

Gli italiani amano il pesce e lo mangiano anche spesso, purtroppo però prediligono sempre le stesse specie: sul podio troviamo l’orata che guida la classifica con il 36,5% delle preferenze, il salmone preferito nel 30,8% dei casi e il nasello che si piazza al terzo posto con il 27,2 per cento.

È quanto è emerso dall’ultima ricerca sull’evoluzione dei consumi di prodotti ittici realizzata da Isnart-Istituto Nazionale Ricerche Turistiche con il coinvolgimento dei ristoranti che aderiscono al marchio Ospitalità Italiana. La ricerca fa parte del progetto FoodHub realizzato dal Masaf e da Unioncamere con la collaborazione tecnico-scientifica di Isnart, Bmti e Italmercati per valorizzare i prodotti che rispettano criteri di sostenibilità attraverso la creazione di una piattaforma che permetta agli operatori della filiera ittica di trovare prodotti ittici sostenibili nei mercati all’ingrosso aderenti.

E a proposito di sostenibilità della filiera ittica, un’altra importante iniziativa è stata varata nei giorni scorsi dalla napoletana Unifrigo Gadus. “Progetto 25” è la partnership tra l’azienda e Università Parthenope per una strategia a tutto tondo mirata a dare all’azienda un nuovo approccio sistemico e sostenibile fra il 2023 e il 2025. Seguendo i criteri Esg (Surroundings, Social, Governance) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, vuole arrivare alla stesura del Bilancio di Sostenibilità. Già nel 2022, l’azienda aveva ottenuto a certificazione Msc-Marine Stewardship Council a tutela della biodiversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *