Migliora il quadro delle aperture e chiusure di ristoranti nei primi mesi del 2023 anche se la situazione non è del tutto serena. In occasione dell’edizione 2023 dei TheFork Awards, premio che individua le migliori nuove aperture dell’anno, TheFork e Format Analysis hanno condotto uno studio di mercato con l’obiettivo di analizzare l’apertura di nuove attività di ristorazione in Italia. I risultati dell’Osservatorio mostrano un primo trimestre caratterizzato da una crescita nel numero delle nuove imprese, pari al 9%, a fronte però di un parallelo aumento delle cessazioni (+15%), con un saldo quindi ancora col segno meno. Al netto di ciò, gli utenti rimangono la forza trainante del settore, mostrandosi sempre più aperti a nuovi pattern, tra cui la digitalizzazione e la valorizzazione del territorio e della sostenibilità.

Nel primo trimestre del 2023, rispetto allo stesso periodo del 2022, sono state registrate 2.997 nuove iscrizioni di imprese nel settore della ristorazione, per un totale di 4.787 ristoranti con somministrazione nati da ottobre 2022 advert oggi, a fronte di 9.000 cessazioni. Nello specifico, le regioni che hanno registrato il maggior numero di imprese con servizio al tavolo nuove nate da ottobre 2022 sono il Lazio (821), la Lombardia (620) e la Toscana (422).

Per quanto riguarda la tipologia di locali, tra le nuove aperture prevalgono i ristoranti di cucina italiana in tutte le regioni della penisola, con una media del 62%, mentre la cucina asiatica si aggiudica il secondo posto soprattutto nelle regioni del nord e del centro (15%). Sul terzo gradino del podio si collocano le pizzerie (10%), seguite da ristoranti a base di carne/pesce (7%) e ristoranti con cucina internazionale (greca, francese, messicana, and many others., 6%).

Tra le numerous aree geografiche rimane stabile la distribuzione dei nuovi ristoranti in base alla fascia di prezzo. La fascia più comune (62%) risulta essere quella tra i 15€ e i 30€ per persona. Dal punto di vista della digitalizzazione invece, più del 45% delle nuove aperture si presta alla possibilità di prenotare tramite il proprio sito internet, mentre il 30% accetta prenotazioni con TheFork. Nuove aperture e abitudini di consumo Tra i punti focali dell’Osservatorio TheFork Awards, rientrano anche le nuove tendenze dei consumatori italiani sulla scelta dei ristoranti e sulle abitudini relative al mangiare fuori casa. In particolare, l’80,8% dei consumatori dichiara di mangiare fuori casa al ristorante a cena o a pranzo nel weekend almeno una volta al mese, mentre il 28% consuma un pasto al ristorante una volta a settimana.

Dati in salita rispetto al 2022 quando a mangiare fuori casa almeno una volta al mese period il 75,2% dei rispondenti e una a settimana solo il 14,8%. Circa il 67% afferma di essere ben disposto a scoprire e provare nuovi ristoranti, attitudine che si accentua negli utenti di genere femminile tra i 18 e i 54 anni. Dal punto di vista geografico, questa tendenza è più diffusa nelle regioni del Nord Est e del Centro. C’è una crescita importante quindi della voglia di novità giacché secondo questo nuova indagine solo l’1% dei rispondenti non si reca mai in nuovi locali, mentre nel 2022 il dato period nettamente superiore (27%). Tra le modalità e i canali impiegati per individuare nuovi locali, i favoriti rimangono il passaparola (59,6%) e la ricerca su internet e app di prenotazione, proprio come TheFork (58,8%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *